Barbie I can be in edicola

E’ uscita in edicola in questi caldi giorni di agosto, “Mille modi di essere Barbie – I can be”.

L’opera, proposta da Hobby&Work, è composta da un primo numero (Barbie, abitino, piano dell’opera  e fascicolo n.1), da altre 24 uscite (abito e fascicolo) e da 2 raccoglitori per i fascicoli.

Esiste, come sempre, la possibilità di sottoscrivere una sorta di abbonamento che consente di ricevere le uscite a casa con in più due simpatici gadgets: La borsa a tracolla e il portafogli di Barbie.

Per chi acquisterà l’opera in edicola è importante sapere che le uscite sono settimanali e costeranno € 6,99 (esclusa la prima  € 8,99 e i raccoglitori € 5,99 cad.), per chi farà l’abbonamento, oltre ai due regalini, sono previsti i primi due invii cumulativi super scontati: il 2° e il 3° numero insieme a e 6,99 e la seconda consegna con i numeri 4, 5, 6 e 7 a € 27,96.

Gli abiti sono corredati da alcuni accessori.

Prima di commentare la prima uscita, tre perplessità: 1) sul cartonato si parla della prossima uscita fra 14 giorni, all’interno del piano dell’opera si parla di uscite settimanali… lo scarto di 14 giorni è dunque relativo solo all’attesa tra primo e secondo numero? 2) Il piano dell’opera è un piano fittizio… di fatto ti dice solo quali sono le prime 7 uscite e non c’è l’elenco di tutte quante; 3) le uscite in divenire, sono rappresentate solo da un disegno dell’abito e non da una foto.

Comunque, pare che le prossime uscite siano: ballerina (abito, scarpette e coroncina); attrice (abito, pellicciotto e oscar); Baby sitter; Pasticcera; Ingegnere e Pattinatrice. Dovrebbero seguire anche cavallerizza, biologa marina, pizzaiola, pop star, giornalista televisiva, pilota d’aereo, pediatra e agente segreto, senza contare che tra le immagini si vedono una bagnina, una giocatrice di calcio e una pittrice.

Con un po’ di impegno, però, ho trovato sul sito della H&W il piano reale:

1 – Veterinaria; 2 – Ballerina classica; 3 – Attrice; 4 – Baby sitter; 5 – Pasticcera: 6 – Ingegnere; 7 – Pattinatrice sul ghiaccio; 8 – Biologa marina; 9 – Pop star; 10 – Pizzaiola; 11 – Cavallerizza; 12 – Telegiornalista (!!! n.d.r); 13 – Pilota d’aereo; 14 – Pediatra; 15 – Subacquea (LOL!!! n.d.r.); 16 – Pittrice; 17 – Veterinario di uno zoo (ben diversa da un veterinario normale… n.d.r.); 18 – Agente segreto; 19 – Surfista; 20 – Bagnina; 21 – Snowborder; 22 – Pilota d’auto; 23 – Calciatrice; 24 – Poliziotta.

 

ROTAZIONE5.jpg

 

Detto questo:

1)      la Barbie è una rigidona (braccia e gambe) con un viso carino, ma un po’ troppo grande, soprattutto gli occhi sono un po’ “sparati”… Di bello ha l’abitino, semplice semplice, con la scritta “Barbie is my favorite doll” a ripetizione sul davanti;

2)      L’abito da veterinaria è in realtà solo un camice bianco corto, con due tasche e l’impronta brillantinosa fucsia di un cagnolino sul petto. In più c’è nel blister un mini cagnolino tutto di plastica. Niente di speciale, a dirla tutta, ma passabile per chi ha già altri accessori o playset da utilizzare;

3)      Il fascicolo, che promette tante notizie utili sul lavoro dell’uscita, un test per sapere cosa hai imparato e un diploma finale, è composto da 6 fogli e interamente illustrato (da disegni più che da fotografie). Una storia sul cagnolino di barbie, due pagine di consigli sugli animaletti domestici, tre pagine di test fumettoso e diploma di assistente veterinaria.

Bilancio… mmmm… non so… mi riservo di vedere la prossima uscita per valutare la qualità del  vestitino, perché il prezzo non è alto, ma neanche basso… insomma, se ci rifilano degli stracci, io mi fermo qui!

Aspetto però il vostro parere!

 

canbe1.jpg

 

Buona Pasqua!!!

Mattel, nel tempo, non si è lasciata sfuggire l’occasione di produrre e commercializzare alcune Barbie in tema Pasquale.

Normalmente sono bambole per la Play Line, molto semplici, con frivoli abitini primaverili e ispirati alla festività. In alcuni casi la Barbie è accompagnata da una delle sue sorelline, che, perfettamente coordinata nell’abito e negli accessori, regge un cestino o coccola un coniglietto.

Io ne ho una sola, che mi è arrivata da un vecchio lotto americano, ed è molto carina.

 

1997-GS-Easter-EggHunt.jpg

Easter%20Bunny%20Fun.jpg

Easter-Barbies-thru-1999_sm(2).jpg

 

Non mi dispiacciono neanche le Springs Avon, Barbie ispirate alla primavera e fatte in esclusiva per la famosa casa produttrice di cosmetici: hanno abitini freschi e floreali che si intonano bene anche con uova e festività Pasquali.

 

Avon-Spring-Barbies-m.jpg

 

Ovviamente esistono le uova di Barbie e anche l’Uovissimo (enorme involucro di plastica pieno di pink-doni!).

Non mi resta che augurarvi un’Ottima Pasqua in compagnia della nostra amica rosa!!!

Blythe Littlest PetShop

Io le ho scoperte un po’ tardi, ma di alcune mi sono proprio innamorata!!!
Avete presente le Blythe? Quelle dolcissime bambole capoccione con gli occhi che cambiano colore?

Beh, la Hasbro ha prodotto in versione mignon diverse tipologie di questa incantevole dollina e le ha messe sul mercato come pet sitter, vendendole insieme a quei piccoli animaletti testoni(!): i Littlest Petshop.

Finalmente ho trovato il tempo di aprire la mia, sullo scaffale di decantazione ormai da più di un anno…

La piccol Blythe che mi farà compagnia è la rossa della serie Pomeriggio all’aperto. Non ha con sé un vero animaletto, am solo la sua riproduzione in cartone, ma è accompagnata da alcuni mini graziosissimi accessori: un cestino da pic-nic, un thermos, un pettinino e un cerchietto. Indossa un allegro completino che potrebbe calzare benisso alle Polly Pocket o alle Lil’Bratz. Credo che proverò, in questo senso, a fare qualche scambio di abiti, poi vi farò sapere…

Di queste bamboline, sono uscite diverse serie: Swim & Sun, Scooter (con una carinissima Vespa…), Divertimento nel deserto, Blythe + animaletto (coccinella, orsetto….) e tante altre.

Le bambole hanno colori diversi di occhi e capelli e tanti colorati accessori.

Ovviamente non tutte sono arrivate in Italia… peccato…

Blythe1.jpg

Blythe2.jpg

Blythe3.jpg

E questa è la mia!!!

Blythe4.jpg

MLP New Generation!!!

Novità a Ponyville!!!

Entrano a far parte del mio mondo fatato 3 nuovi amici. Sono Daisy Dreams, Fluttershy e la Principessa Celestia.

 

100_9048.JPG

100_9050.JPG

 

Sono 3 My Little Pony appena usciti e rinnovati… la new generation dei MLP!!!

Da sempre il caramelloso mondo pastello dei MLP mi affascina e forse è per questo che, pur non potendo collezionarli per mancanza cronica di spazio, continuo a regalarli alla mia bambina che ha una vera e propria adorazione per il mondo equino (vero o fantastico che sia!). Nei giochi della mia bambola in carne e ossa non è stato quindi difficile trovare materiale per studiare questo mondo.

Con tutte le bestioline (vecchie e nuove) ammucchiate sul tavolo, non è stato difficile farsi venire l’ispirazione per qualche foto di presentazione. Inizialmente avevo pensato a fotografare i Pony in un mondo fatto solo di cupcake caramellosi e dolcetti vari… poi mi sono auto illuminata e ho pensato a una Ponyville in fermento per l’arrivo della nuova Principessa e del suo seguito. Quindi tanto fermento, i piccoli Pony in adunata e in formazione da parata per accogliere i nuovi arrivati.

 

100_9060.JPG

100_9063.JPG

100_9076.JPG

100_9092.JPG

100_9096.JPG

 

Questo mi ha anche guidata in un inevitabile confronto tra il vecchio e il nuovo in un mondo dove nulla cambia, ma le cose si evolvono e permettono alle bambine di continuare a giocare con i MLP della sorella più grande e magari della mamma, inserendo nuovi personaggi e nuovi accessori.

I nuovi My Little Pony, infatti, mantengono inalterate l’idea di base e, pur cambiando il loro formato o il loro sguardo, bene si adattano ai Pony dello scorso decennio, sia a quelli normal size che a quelli formato mini.

 

100_9106.JPG

 

 

 

 

Bene, quindi, quando le nuove idee non rinnegano le vecchie e consentono di divertirsi sempre di più!!!

Nell’album tante altre foto, con dettagli e curiosità!!!

Solo 2 note.

La prima per i consumatori: attenzione alle spillette di Celestia, sono delicate e si corre il rischio di romperle nel toglierle dalla scatola.

La seconda per Hasbro: tanta, tanta plastica nell’imballaggio. Il prossimo passo? Più attenzione all’ambiente e un po’ meno plastica!

La bambola della Duchessa

Su un vecchio (ma non vecchissimo!) numero di Anna, ho trovato una foto della Duchessa di York (o ex?) Sarah Ferguson che abbracciava una bambola di pezza. Ho fatto una ricerchina su Google et voilà!

 

LITTLE1.jpg

Sarah-Ferguson-holds-her-doll-Little-Red-and-her.jpg

Sarah-Ferguson-The-Duches-001.jpg

 

 

Ho scoperto che nel 2002 la Duchessa ha iniziato a scrivere storie per bambini. La protagonista dei suoi libri è una piccola bimba dai capelli rossi, riprodotta poi in stoffa. Le illustrazioni dei libri sono di Sam Williams.

LITTLE.jpg

Le copertine dei libri dedicati a Little Red (così si chiama la piccola) sono molto dolci, un po’ in stile old country e ricordano tanto Holly Hobbie e Sarah Kay.

holly.jpg

holly_hobbie_niamh.jpg

Sarah Kay3r.jpg

Anche la bambola richiama come idea la sorella più vecchia degli anni ’80 prodotta dalla Pedigree.

SARA DOLL.jpg

Nuove Fashionistas 2011

Vedo su Sky la pubblicità delle nuove Barbie Fashionistas…

Strana idea ha avuto la Mattel o almeno così mi sembra: sono bambole a cui puoi (ovviamente) cambiare i vestiti, ma anche lasciarle sempre vestite uguali e limitarti a cambiare loro la testa…

Insomma sembra, ma potrei sbagliare quindi vi chiedo conferme, che nella confezione ci sia una barbie fashionistas, con abiti e accessori, più una testa-busto a incastro per cambiare i connotati alla pupa… sembra proprio che questa testa (cava) in più, si incastri sulle spalle della bambola e sia quindi possibile mettere la testa di Cutie sul corpo di Barbie e viceversa. Niente di nuovo se pensiamo che le bimbe lo fanno da decenni… forse la novità sta nella sicurezza con cui da oggi si potrà fare: nessun timore di rompere i pirolini del collo e la certezza di far ritornare all’origine la propria Barbie con un clic!

fashionistas.jpg
fashionistas2.jpg

Sweet Talkin’ Ken

E’ recentemente uscito in Italia un nuovo Ken. Parlante.

Da sempre Ken, il fidanzato-sfidanzato-rifidanzato di Barbie, non cattura per carattere e personalità, ma credo che con questo nuovo bambolo… si sia un po’ toccato il fondo. Il mold del viso non ha nulla di nuovo, il corpo è rigido, il meccanismo elettronico che contiene ne impedisce un uso puramente ludico (non può nemmeno accompagnare Barbie in piscina, altrimenti l’acqua gli causerebbe un comprensibile calo di voce!!!), insomma… non un granché mi sembra… In più, e chi ha visto la pubblicità in tv non potrà che essere d’accordo, la sua voce è così noiosa, così piatta, così… insomma, anziché migliorare con l’età, il nostro cade sempre più in basso.

Non che Barbie nel tempo abbia parlato di cose molto interessant a dire il vero… principalmente di thé, pasticcini e shopping…

Perla tecnica: la bambina registra sul bambolo le frasi che preferisce e lui le pronuncia-ripete con una voce maschile al bisogno.

La bambola parlante per Mattel è una fissa fin dagli anni ’60/’70, ma se i primi tentativi sono riusciti bene e sono ora perle per collezionisti (pur nella loro semplicità, all’epoca le frasi erano preregistrate e standard, pronunciate tirando una cordicella o schiacciando un pulsante), l’ultimo nato non credo andrà a ruba nei negozi.

ken_registratore.jpg

 Foto by Pamyfashondolls.

Strategia Mattel?

Nel numero di gennaio 2011 di Barbie Magazine, che ho preso per la splendida custodia per Nintendo DS, ho notato con curiosità che le pubblicità riferite alle  nuove uscite Mattel si riferscono a oggetti usciti sul mercato mesi e mesi fa…

Le nuove Fashionistas: Sweetie, Sassy, Sporty e Cutie. La seconda edizione di queste bambole posable è sugli scaffali (e sulle mie mensole) già da mesi, ma è presentata sul magazine come novità…

Stessa cosa per Barbie loves 500, Barbie Videogirl e Una casa da sogno (che addirittura richiama la casa di Barbie con ascensore degli anni ’70… sai che novità…).

Per finire !Il nuovissimo camper di Barbie”… regalo di compleanno per un’amichetta di mia figlia a ottobre…

Chissà… forse da agosto (e anche da settembre 2009, visto che Barbie con la 500 Fiat era a casa nostra in quel periodo…) per l’Italia non è più uscito nulla di nuovo (e tutto ciò sarebbe molto triste!) oppure in Mattel ci deve essere una strategia di marketing strana e incomprensibile ai più… Che fine hanno fatto le Model Muse? La Barbie di Toy Story 3? Per non parlare di quelle da collezione…

 

Dice or Date

Ho trovato sulla Gazzetta di ieri un articolo su un gruppo di ragazzi di Fontanellato che ha inventato un gioco in scatola (di ruolo?) presentato ufficialmente a Lucca Comics…

Io non capisco una cippa di questi giochi, ma ho una voglia matta di comprarmelo…

Questa la recensione ufficiale dal sito, sotto, il link.

D.o.D. – Dice or Date è un gioco di società che può coinvolgere da un minimo di 2 ad un massimo di 6 partecipanti che proietta i giocatori in un mondo popolato da Nerd che, al limite della società umana, tentano di ottenere un appuntamento con Amata, la più bella ed altera ragazza della Città.

Attraverso un tabellone interamente illustrato, consultando e muovendo pedine in plexiglass, i giocatori possono scegliere fra 6 differenti Nerd (specialisti in altrettante materie: horror, fantascienza, fumetti, serie tv, internet e videogiochi, fantasy) disposti a sfidarsi attraverso competizioni dirette, Eventi, Crocicchi del Diavolo, Negozi e Fortezze della Solitudine.

Aiuta il tuo Nerd collezionando Tesori per, finalmente, varcare i tre differenti Date Gate (la famiglia di Amata, i suoi colleghi di lavoro ed i suoi amici) che portano alla splendida Amata ed al suo freddo disprezzo per i nostri protagonisti.

Scaglia i Bulli contro il Nerd che ti ha appena tolto la tesserà fedeltà del tuo Negozio, difendi i tuoi Tesori dalle Infestioni di nipoti, ruba un omaggio floreale dal cimitero per la tua futura suocera, rapisci Mute di teneri cuccioli al guinzaglio; in amore e nella guerra fra Nerd tutto è lecito.

La scatola contiene, ad un costo di 25,00 €:

  • 2 x trottole-Artefatti;
  • 1 x plancia di gioco (40 x 50 cm);
  • 6 x pedine e schede Nerd;
  • oltre 100 token;
  • il regolamento del gioco;
  • chiavetta usb da 2 GB contenente le domande Nerd, domande Pragmatiche, i Tesori, gli Eventi.

D.o.D. – Dice or Date è un gioco interamente autoprodotto e sviluppato da Agenzia degli Incantesimi, associazione ludico-culturale attiva da più di 13 anni nel settore del divertimento intelligente; insomma, un gioco fatto da Nerd per Nerd!

D.o.D. – Dice or Date è un gioco di società che può coinvolgere da un minimo di 2 ad un massimo di 6 partecipanti che proietta i giocatori in un mondo popolato da Nerd che, al limite della società umana, tentano di ottenere un appuntamento con Amata, la più bella ed altera ragazza della Città.

Attraverso un tabellone interamente illustrato, consultando e muovendo pedine in plexiglass, i giocatori possono scegliere fra 6 differenti Nerd (specialisti in altrettante materie: horror, fantascienza, fumetti, serie tv, internet e videogiochi, fantasy) disposti a sfidarsi attraverso competizioni dirette, Eventi, Crocicchi del Diavolo, Negozi e Fortezze della Solitudine.

Aiuta il tuo Nerd collezionando Tesori per, finalmente, varcare i tre differenti Date Gate (la famiglia di Amata, i suoi colleghi di lavoro ed i suoi amici) che portano alla splendida Amata ed al suo freddo disprezzo per i nostri protagonisti.

Scaglia i Bulli contro il Nerd che ti ha appena tolto la tesserà fedeltà del tuo Negozio, difendi i tuoi Tesori dalle Infestioni di nipoti, ruba un omaggio floreale dal cimitero per la tua futura suocera, rapisci Mute di teneri cuccioli al guinzaglio; in amore e nella guerra fra Nerd tutto è lecito.

La scatola contiene, ad un costo di 25,00 €:

  • 2 x trottole-Artefatti;
  • 1 x plancia di gioco (40 x 50 cm);
  • 6 x pedine e schede Nerd;
  • oltre 100 token;
  • il regolamento del gioco;
  • chiavetta usb da 2 GB contenente le domande Nerd, domande Pragmatiche, i Tesori, gli Eventi.

D.o.D. – Dice or Date è un gioco interamente autoprodotto e sviluppato da Agenzia degli Incantesimi, associazione ludico-culturale attiva da più di 13 anni nel settore del divertimento intelligente; insomma, un gioco fatto da Nerd per Nerd!

www.agenziaincantesimi.com

age_MG_1557-come-oggetto-avanzato-1.jpg
Sopra il tabellone!

Barbie as Mad Men

Ancora Barbie su Gioia.

Questa volta per l’uscita delle Barbie dedicate alla serie televisiva Mad Men. La serie è ambientata in America negli anni ’60 e propone le storie di uomini e donne che ruotano attorno a una compagnia pubblicitaria. Nevrosi, tradimenti e frustrazioni sono all’ordine del giorno.

Per interpretare queste donne Mattel ha scelto due Silk (una bionda e una rossa) e due Ken, tutti e 4  rigidi, allampanati ed elegantissimi.

Gioia 3_2010.JPG

 

madmen%20cast.jpg
Acquistabili sul sito www.barbiecollector.com al prezzo (cad.!) di 75$.
Arriveranno forse anche da noi, ma a prezzi sicuramente più alti!