Le rosse Furga

La Furga ha prodotto negli anni diverse bambole con i capelli rossi.

Oggi vi voglio parlare un po’ di uno dei miei ultimi ritrovamenti: Mary la rossa. Primo marchio (FURGA ITALIA impresso sul collo), corpo di spugna, testa e arti in plastica. Gli occhi sono fissi e i capelli folti e lucidi sono acconciati in due treccine e una bella frangia. Non so come fosse il suo abito originale, la mia indossa un completino di Cicciobello vintage a quadrettini bianchi e rossi. Mary ha le mani di forma diversa, come Petronilla e Teresa. A differenza di queste ultime due, però, Mary ha in plastica solo le mani , mentre Petronilla e Teresa hanno tutta la lunghezza delle braccia e delle gambe.

Petronilla e Teresa sono molto simili, differiscono principalmente per l’acconciatura: Teresa ha i capelli corti e due piccole treccine, mentre Teresa ha tutti i capelli della stessa lunghezza raccolti in trecce. Entrambe hanno la frangia.

Per quanto riguarda la manutenzione di Mary, vi consiglio di usare molta delicatezza nel lavaggio dei capelli perché, come molti rossi Furga, tendono  a sfilarsi e rischiate di ritrovarvi con una bambola bellissima, ma completamente calva. Non so se lo stesso problema si presenta anche con le altre due…

Le foto dell’articolo sono in parte mie (Mary) e in parte tratte dal web (Petronilla e Teresa).

Petronilla Teresa Furga Teresa furga intera 100_4457 100_4456 100_4455 100_4453 100_4452

 

100_4454

Furga sul Sole 24 Ore

Anche le grandi testate giornalistiche, a volte, sfiorano con i loro reportage il mondo fatato delle bambole.

Ieri è stata la volta del Sole 24 Ore, che parlando della zona mantovana cha ha visto la nascita delle bambole Furga, ha fatto un volo radente su quel mondo fatto di porcellana, vinile, pizzi e merletti ormai scomparso.

 

Le bambole al museo, Canneto sull’Oglio si rilancia con i vivai.

Di Giuseppe Oddo

Il Sole 24 Ore di martedì 21 agosto 2012

 

L’industria cannetese delle bambole ha tenuto banco per oltre un secolo a partire dal 1870. La Furga, negli anni Sessanta del Novecento, è arrivata a occupare da queste parti 1.200 dipendenti, per la maggior parte donne. Senza contare la Aga, la Faiplast, la Fiba, la Lorenzini, la Zanini e Zambelli. Senza contare le imprese di accessori per bambole, di pianoforti e chitarre giocattolo, di cavalli a dondolo, i produttori di stampi, le aziende litografiche che realizzavano etichette, cataloghi , imballaggi. Ruotavano intorno al distretto della bambola circa 2.500 addetti, una cifra pari a oltre la metà di Canneto.

Poi sono arrivati gli anni Settanta. La Furga, caduta in dissesto, è stata acquistata e rilanciata da Vittorio Grazioli.

Finché nel mercato non sono entrati i cinesi a rompere i prezzi con i loro bassi costi di manodopera. Da quel momento la competizione è diventata impari: Per il paese dei balocchi è cominciato il declino. L’area era già in disarmo nel ’92, quando Il Sole 24 Ore pubblicava la sua prima inchiesta sui distretti industriali. La Grazioli aveva già diversificato nei mobili e nei giocattoli in plastica da giardino, attraverso la Grand Soleil.

In questi venti anni l’economia locale ha cambiato pelle. Sulla riva sinistra dell’Oglio è ritornata a imporsi l’antica tradizione agricolo-vivaistica, che risale al Quattrocento. Oggi le bambole e i bebè in bisquit della ex Furga si possono solo ammirare al museo di Canneto, peraltro in fase di ristrutturazione fino a dicembre. La Grand Soleil, ceduta da Grazioli alla Giò Style e da questa al gruppo Igap (150 milioni di ricavi e sede a Cogozzo di Viadana), è ancora qui a testimoniare i trascorsi manifatturieri di questi luoghi.

…omissis…

 

Sole24 Canneto2.JPG

Sole24Canneto1.JPG

 

Buon Natale!!!!

Finalmente l’ho ritrovata!!!!

Buon Natale a tutti!!!

LA NOTTE SANTA

di Guido Gozzano

– Consolati, Maria, del tuo pellegrinare!
Siam giunti. Ecco Betlemme ornata di trofei.
Presso quell’osteria potremo riposare,
ché troppo stanco sono e troppo stanca sei.

Il campanile scocca
lentamente le sei.

– Avete un po’ di posto, o voi del Caval Grigio?
Un po’ di posto per me e per Giuseppe?
– Signori, ce ne duole: è notte di prodigio;
son troppi i forestieri; le stanze ho piene zeppe

Il campanile scocca
lentamente le sette.

– Oste del Moro, avete un rifugio per noi?
Mia moglie più non regge ed io son così rotto!
– Tutto l’albergo ho pieno, soppalchi e ballatoi:
Tentate al Cervo Bianco, quell’osteria più sotto.

Il campanile scocca
lentamente le otto.

– O voi del Cervo Bianco, un sottoscala almeno
avete per dormire? Non ci mandate altrove!
– S’attende la cometa. Tutto l’albergo ho pieno
d’astronomi e di dotti, qui giunti d’ogni dove.

Il campanile scocca
lentamente le nove.

– Ostessa dei Tre Merli, pietà d’una sorella!
Pensate in quale stato e quanta strada feci!
– Ma fin sui tetti ho gente: attendono la stella.
Son negromanti, magi persiani, egizi, greci…

Il campanile scocca
lentamente le dieci.

– Oste di Cesarea… – Un vecchio falegname?
Albergarlo? Sua moglie? Albergarli per niente?
L’albergo è tutto pieno di cavalieri e dame
non amo la miscela dell’alta e bassa gente.

Il campanile scocca
le undici lentamente.

La neve! – ecco una stalla! – Avrà posto per due?
– Che freddo! – Siamo a sosta – Ma quanta neve, quanta!
Un po’ ci scalderanno quell’asino e quel bue…
Maria già trascolora, divinamente affranta…

Il campanile scocca
La Mezzanotte Santa.

È nato!
Alleluja! Alleluja!

È nato il Sovrano Bambino.
La notte, che già fu sì buia,
risplende d’un astro divino.
Orsù, cornamuse, più gaje
suonate; squillate, campane!
Venite, pastori e massaie,
o genti vicine e lontane!

Non sete, non molli tappeti,
ma, come nei libri hanno detto
da quattro mill’anni i Profeti,
un poco di paglia ha per letto.
Per quattro mill’anni s’attese
quest’ora su tutte le ore.
È nato! È nato il Signore!
È nato nel nostro paese!
Risplende d’un astro divino
La notte che già fu sì buia.
È nato il Sovrano Bambino.

È nato!
Alleluja! Alleluja!

13Dicembre.JPG

Damine Furga

Vi presento due delle mie damine Furga. Dopo tanto tempo sono riuscita a dare loro una sistemata: un bagnetto, una messa in piega e una ravvivata agli abitini sgualciti dal tempo…

Le due bambole sono molto diverse tra loro, in primis per altezza, poi per tipologia di corpo (uno interamente in vinile l’altro metà in vinile e metà in gommapiuma posizionabile).

Presto foto più dettagliate nella cartella delle mie bambole, con tutti i dettagli del restauro e dei particolari delle damine!

100_3868.JPG
100_3489.JPG

La mia Sheila

Questa è la mia prima Sheila, una delle 3S Furga; Sheila, Susanna e Silvye.

Di per sé non è una delle mie bambole preferite (per ora…) ma trovata a un mercatino per pochi euro, l’ho presa.

Arrivata a casa… la sorpresa: era letteralmente sbriciolata!!!

Con un piccolo “restauro” ora fa la sua bellla figura sulla mia mensolina.

2 i problemi persistenti (e tipici di queste bambole, mi si dice…): l’incipiente calvizie e la pelle del busto tanto secca al punto da sbriciolarsi con facilità.

Prima:

100_4070.JPG

Dopo:

100_4190.JPG

Ed ora gustatevi la collezione di Luna d’Oriente su Flickr: http://www.flickr.com/photos/nady25863/sets/72157604338840984/