Bratz: the movie

A giugno è uscito nelle sale il film dedicato alle 4 bambolette testone-dotate della Mga Entertainment.

 

Ne ho letto al mare, su Repubblica o Corriere (e chi si ricorda, impegnata come ero a schivare temporali e burrasche!!).

 

Un mini trafiletto con uno spietato voto pari a 2 pallini (…su 10!!!!) che definisce le attrici “interscambiabili sciocchine che reclamizzano nel modo peggiore l’amicizia” e il film “quanto di più omologante e pericoloso ci sia, è una criminalità massmediologica organizzata contro barlumi di intelligenza”.

 

Più segato di così!

 

Pare che le quattro amiche frastornate dall’apparire e dal cambiamento di scuola vedano scricchiolare il loro profondo rapporto basato su rossetti e minigonne.

 

Nel cast anche due grandi del cinema come Bette Midler e Jon Voight… che non si sa cosa volessero ottenere con questa “grande partecipazione”…

 

Aspetto commenti da chi lo vedrà!

bratz.jpg

35c242f8791b992808189ccfa40fca1c.jpg

 

 

Barbie e Pulsatilla

Valeria Di Napoli (alias Pulsatilla) scrittrice e blogger di successo ha pubblicato per Bompiani il romanzo Giulietta Squeenz.

 

E’ la storia di una bimba che diventa adolescente, prima, e donna, poi, e dei suoi tormenti, amorosi e non: la para per il seno che cade, l’amore per un uomo sbagliato…

 

Già mi incuriosiva, poi, appena letto l’incipit, ho capito che questo libro deve essere mio:

 

“Di fronte a noi abitavano i Bardellini. Erano una coppia di vecchietti con uno schnauzer nano e una nipotina, Giada, che già a sei anni era la più grande collezionista vivente di Barbie. Ettari e ettari di scatoloni contenenti decine e decine di Barbie, accatastate l’una sull’altra senza grazia, con un inquietante effetto fossa degli ebrei (…)”.

Appena letto vi aggiorno, intanto sbirciate il suo blog: http://www.pulsatilla.splinder.com/