Barbie e il Venditore di Pianeti

Un’altra citazione inaspettata!!!
Nel libro “Il Venditore di Pianeti” di Marco Sommariva ed. Tropea che ho appena finito di leggere, Barbie fa capolino in una discussione sulla depilazione a oltranza!!!

 

A parte questo simpatico spot, vorrei consigliare la lettura del libro, soprattutto se amate le storie ironiche e surreali, irriverenti e oniriche…

 

In una Sestri americanizzata, tra i vapori dei tombini, c’è una compagnia che si ritrova all’osteria dei soprannomi di Anna e Barbera.

 

Amore, sesso, sogni e realtà si intrecciano nei dialoghi vivaci e divertenti di Marco Sommariva, già ribattezzato il “Bukowski al pesto”.

 

 “Gommolo afferma che sei un angelo.”
”Ribadisco… non è vero.”

 

Mi guarda e sorride.

 

“Gommolo afferma che solo i veri angeli vivono in una fogna e riescono a sorridere come te.”

 

Continua a sorridere.

 

“Gommolo afferma che sei l’ultimo angelo sulla Terra.”

 

“L’ultimo? E gli altri?”

 

“Secondo lui, gli altri hanno accettato il posto sicuro, in qualche chiesa o su vecchi dipinti. Mentre tu, l’aureola, te la vuoi  guadagnare giorno per giorno.”

 

 

 

Barbie su Milano Finanza

E dopo Grazia ecco che il caso Mattel vs. Mga Entertainment sbarca su Milano Finanza. Alle pagine 37 e 38 dell’edizione in edicola il 24 maggio u.s. un lungo articolone sulla diatriba tra i due colossi bambolari. L’articolo contiene tante curiosità su come sono nate le Bratz e sui risvolti del processo in atto.

Una curiosità… nel disegno che illustra il tutto una biondissima Barbie vestita di rosa (obviously!) tira un bel calcione a una… Winx!!!! A questo punto Barbie batte Bratz 2-0!!!… almeno sulla carta stampata (cfr. post del 19.05.2008)!

Grazie a Luca Botti per la segnalazione! SMAK!!!  

PS: se qualcuno è interessato a una copia dell’articolo, lasci un commento con una mail di riferimento.  

Carla vs Jackie

A proposito del mio post di lunedì 12.05… Sul numero di Giugno di Elle, il Fashion Editor Alberto Zanoletti, parla degli abiti indossati da Carla Bruni Sarkozy durante la sua visita alla Regina Elisabetta. Riferendosi al cappottino grigio che Carla indossa al suo arrivo, Zanoletti dice che gli ricorda (nell’ordine…) una hostess dell’Est europeo prima della caduta del muro (!), l’uniforme invernale di una crocerossina e l’abitino della sorella triste di Barbie(!!!!). Infine (per tornare al mio post…) rifiuta categoricamente il paragone tra Carla e Jackie.

Secondo voi chi vince il duello?

 

e76acd11cc937d4aee9b47401061dfcf.jpg410116d7e5f7fa3afd7453e20cc562ac.jpg

Carla.jpg   Jackie aereo.jpg

 

 

 

Fornarina Urban Beauty Show

Ha aperto al Carrousel du Louvre di Parigi la 6° edizione del Fornarina Urban Beauty Show, un connubio di arte, moda, musica, glamour e chi più ne ha più ne metta! The Call of Dreams (così si chiama l’edizione 2008) ospita artisti del calibro di Glenn Barr, Mijn Schatje, Miss Van, Junko Mizuno e il fumettista Moebius. Per info, anche sulle passate e itineranti edizioni, e invito: www.fornarinaurbanbeautyshow.com

Peccato non avere in programma un viaggetto a Parigi…

5f03a62007f455c91e416d91d3b7fa74.jpg

Fornarina.jpg

 

Jackie O’ e le sue bambole

14 anni fa si spegneva nel suo appartamento della Fifth Avenue l’icona dello stile Jackie Kennedy Onassis. Come dimenticare i suoi tailleurs, le borse, i cappellini? Lo stile di Jackie è rimasto nel tempo inconfondibile e la sua classe rimane il sogno di ogni donna. Nel tempo sono uscite a sua immagine (magari…) numerose bambole: Franklin Mint www.franklinmint.com e Madame Alexander  in primis ritraggono la signora Kennedy il giorno delle nozze col Presidente, Toypresidents crea una action figure parlante e snodata (ma col viso orribile!!!) e Costume Gallery crea completi da sogno per una bambola un po’ meno da sogno…  www.costumegallery.com/ppdollsjackiekennedy.htm    Tom Tierney disegna una paper doll bellissima, con 5 bambole che seguono la crescita di Jacqueline (bambina, adolescente, donna) e 27 abiti: i due da sposa, diversi  tailleurs e numerosi da sera. Esistono perfino dei magneti da frigorifero con le sembianze della Signora Onassis in costume, corredata da ben 7 abiti e qualche  accessorio.

Infine esiste una bellissima Candy Fashion Doll – Jackie Kennedy con 3 cambi meravigliosi.

Una curiosità… la figlia Caroline ha una copiosa collezione di bambole, che statisti di tutto il mondo le hanno regalato nelle viste ufficiali. Tra queste una Lenci italiana esposta in una mostra all’Harry S. Truman Library and Museum di Indipendence (MO) negli USA.

Ancora Barbie su Grazia

Sul n. 20 del settimanale, mini trafiletto con foto carina sulla nostra beniamina rosa!
Si parla della disputa legale tra la Mattel e un suo ex dipendente che, appena lasciata la Ditta, ha venduto il progetto per la realizzazione delle Bratz alla Mga Entertainment.

Il tipo è accusato di aver infranto gli obblighi di fiducia verso l’Azienda e di averla danneggiata.

Effettivamente, dopo l’uscita delle Bratz, Barbie ha subito un tracollo e con lei il buon gusto nella realizzazione delle bambole…

Saranno anche un fenomeno di costume, ma le Bratz proprio non riescono a convincermi… testona immensa e corpiciattolo improbabile, piedi removibili (e quindi moncherini in bella vista!) e trucco da trans!

Una cosa positiva dall’uscita di questi mostriciattoli c’è… per contrastarli la Mattel ha prodotto le My Scene, un tipo di bambola che adoro!

4780224c39cad340760ce49939d0c2cb.jpg

 myscene.jpg

 

 Per saperne di più su queste 3 bambole: http://www.barbie-bratz.it/ 

Una curiosità: nella foto che correda l’articolo, c’è una bimba  bionda che gioca con  una Barbie Magia di Pegaso e una… My Scene! …beh, almeno questa volta, di fronte a Barbie la Bratz è scomparsa!

Marlene Dietrich e le sue bambole

Il 6 maggio 1992, moriva nel suo appartamento di Parigi l’attrice Marlene Dietrich. Josef von Sternberg, regista del film L’Angelo Azzurro (1930), regalò a Marlene, durante le riprese, un bambola Lenci (serie 112) che diventò il suo portafortuna. Il piccolo Africano con abito tribale e orecchini stava sempre seduto sulla sua toeletta e appare anche in alcuni suoi film (L’Angelo Azzurro, Marocco e Disonorata).

 

Marlene1.jpge3d62f20c100f667052ce80d323818cc.jpg

La collezione di bambole Lenci dell’attrice comprendeva anche una seconda bambola AA, sempre della serie 112, ma con capelli lunghi, un bambola Jules in completo bretone (1926) e un Cinesino presente sui cataloghi Lenci del 1931, pure lui regalato da von Sternberg. Tutte le Lenci della diva sono custodite nella  Marlene Dietrich Collection a  Berlino.

Esistono diverse bambole che rappresentano Marlene Dietrich, tra cui quella di Madame Alexander che la rappresenta nel film Shangai Express e un’altra visibile sul sito http://www.icondolls.com/marlene.html : è di porcellana e più che una bambola sembra una caricatura… però gli abiti sono molto davvero molto belli!

Esiste anche una versione di Marlene in carta: una paperdoll con cambi d’abito e fascino da vendere!

Credits: http://www.lenci-dolls.net/07012006.html, http://filmmuseum-berlin.de/ .

Ryo Yoshida

Non ho ben capito se le bambole le fa o se le fotografa solo… di certo queste immagini di Ryo Yoshida, artista giapponese, sono FAN-TA-SMA-GO-RI-CHE!!!!!

862323dfd1793f84dd8453df2857c85f.jpg

dollseye.jpg

 

Sul mercato anche libri che promettono di lasciarci senza fiato, come Yoshida style -Ball jointed doll making guide e Astral Doll.

Per ammirarle tutte www.dollseye.com  , per leggere il blog www.dollseye.net

Per acquisti dall’estero www.verycoolthings.com sezione Books, inserire Yoshida nella finestra “Item Search”.

Festa dei Lavoratori e Centenario della Nascita di Giovannino Guareschi

   Per il papà di Don Camillo, una serie di eventi curati dal Comitato  
 Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Giovannino Guareschi nella provincia di Parma:      

http://eventi.parma.it/page.asp?IDCategoria=26&IDSezione=94&ID=221275

 

« [Peppone] Si trovò nella penombra della cabina, con la scheda spalancata davanti e il lapis stretto fra le dita. “Nel segreto della cabina elettorale Dio ti vede e Stalin no”, pensò alla frase letta su uno dei manifestini[…]e, instintivamente, si volse, perché gli pareva di sentire che qualcuno, dietro, lo stava guardando. »(Giovannino Guareschi, Mondo piccolo “Don Camillo e il suo gregge”, opera citata, pag. 36)